Basso nella commissione del Qatargate "Altro che Lega, scandali a sinistra"

1 settimana fa 21
DBR - Data Breach Registry Web tool

"In questi anni ci accusavano di aver preso i rubli dalla Russia. Ma evidentemente c’era da guardare altrove. E ora non possiamo tollerare che si parli di ‘italian job’". Si sfoga Alessandra Basso, avvocatessa eletta con una valanga di voti nel 2019 all’Europarlamento, nelle fila della Lega, e ora membro della commissione giuridica che si occupa delle autorizzazioni a procedere. Il Qatargate, proprio quello, lo scandalo sulle presunte tangenti arrivate dal piccolo Stato arabo per determinare a proprio favore le politiche dell’Ue. Basso, che ha il suo studio legale a Bologna (lei è di origine veneta) è che qui è stata eletta, unico esponente del centrodestra bolognese in Europa, racconta il suo lavoro di questi giorni. E ci dice, per lei, cosa dovrebbe cambiare. "Abbiamo avuto in audizione Andrea Cozzolino, per cui la magistratura belga ha chiesto le revoca dell’immunità parlamentare. Lui stesso ha riunciato all’immunità, ma credo che in ogni caso gli sarebbe stata tolta".

Che idea si è fatta?

"Ho visto tante votazioni in questi anni e mi dicevo mah, che stranezze. Ma da lì a immaginare che ci potesse essere un presunto sistema corruttivo ce ne passava. Bisogna es...

Leggi tutto questo Articolo

Basso nella commissione del Qatargate "Altro che Lega, scandali a sinistra"